+39 334 9387747 parteciparte@gmail.com
Italiano  English Français

Parteciparte

PartecipArte è una compagnia di Teatro dell’Oppresso che mette in scena gli abusi di potere e offre l’occasione di provare ad affrontarli collettivamente in un quadro protetto e divertente. Abbiamo raccolto tecniche ludico-teatrali in tutto il mondo per allenarci a sormontare le ingiustizie in modo creativo. Usiamo queste tecniche nelle scuole, carceri, università, comunità, piazze, paesi in guerra, con ONG, associazioni e istituzioni di tutto il mondo.

Le persone

Olivier Malcor è un filosofo franco-olandese che lavora con il Teatro Dell’Oppressa/o da 20 anni, mettendo in scena l’oppressione, e creando opportunità di affrontarla in modo collettivo. Ha studiato il metodo per 2 anni in America Latina (tra 2000 e 2003) , scritto una tesi su “il teatro invisibile delle relazioni umane” alla Sorbonne (2002). Ha lavorato in molti quartieri di Marsiglia con il TDO sulla violenza maschile (2003-2005). Ha vissuto in Africa dal 2005 al 2007 dove ha potuto collaborare con varie realtà creative e politiche. Dal 2008 vive a Roma dove ha fondato Parteciparte e continua a lavorare in Africa dove ha creato vari gruppi in Kenya, Tanzania, Comoro e Somalia.

Claudia Signoretti è una progettista collaudata ed entusiasta, impegnata a lungo in progetti internazionali per i diritti delle donne, scopre il TDO con Olivier a Ostia nel 2009. Iniziano subito a lavorare insieme con il TDO, prima nelle scuole di periferia sulla gestione dei conflitti, poi con gli adulti per smantellare gli stereotipi e la violenza contro le donne, in Italia e all’estero. Nel tempo ha affinato la tecnica dei powerpoint teatrali e si è ostinata a trasformare le idee raccolte dal pubblico negli spettacoli in proposte politiche per le istituzioni. Ha lavorato in vari paesi, in particolare in Afganistan e India. In Italia propone laboratori e formazioni su bullismo, discriminazioni, e disabilità.

Tante altre persone sono state coinvolte in questi anni.

Dal 2011 Valentina Di Odoardo crea numerosi progetti e spettacoli sull’Trans-cultura  e consumo con il CIES.

Dal 2013 Rosa Martino arricchisce il lavoro sull’estetica teatrale e il lavoro con le giovani generazioni di migranti non accompagnati.

Dal 2013 Leila Spignese ha organizzato percorsi di educazione alle differenze nelle Scuole e dal 2016 recita su vari spettacoli oltre al suo impegno nella rete Femminista.

Dal 2014 Lorenzo Macchi contribuisce ad approfondire la questione maschile e il tema dell’educazione dei-delle più piccoli-e.

E tante altre e tanti altri che passano, portano contributi, creano personaggi unici, che a volte continuano a vivere…